28/04/2009 Community Business

Mai più senza…! Antologia di alcuni prodotti irrinunciabili scoperti per voi al Fibo di Essen.

 

Si è appena concluso il FIBO di Essen  22 – 25 aprile: una tra le più importanti fiere di settore in Europa. Domani pubblicheremo servizi su come è andata, sulle novità chi c’era e chi no. Stay tuned. Oggi una anticipazione su alcune curiosità.

Il mondo del fitness genera nuovi prodotti in continuazione. Spesso tra le novità ci sono degli strumenti che, una volta visti, generano istintivamente il desiderio di non poterne fare più a meno: sono i “ Mai più senza…”.

Difficile prevedere il destino commerciale di questi prodotti, che colpiscono fondamentalmente per la loro eccentricità: solo il futuro saprà dare una risposta. Anche al Fibo di Essen non sono mancati dei prodotti “ mai più senza…”: scelti per voi, ve ne presentiamo una selezione.

Trotta, trotta cavallino.

Ideale per l’equitazione indoor e stazionaria, il cavallo trotta e galoppa stando sul posto. Può essere trasformato anche in una zebra africana, per avere un pizzico di esotismo e assaporare il gusto di una cavalcata  virtuale in una savana equatoriale. Non necessita di biada, non sporca e ha bisogno solo di pochi watt di energia elettrica, per una cavalcata spensierata. Il cavallino è anche sicuro, perché non si imbizzarrisce al contrario dei veri animali che tuttora espongono il cavaliere a questo rischio. Evoluzione computerizzata delle giostre d’altri tempi.

Elvis the Pelvis.

Hula hop con tanto di cremagliera massaggiante e anticellulitica. Il cerchio da hula hop non è certo una novità, ma l’aggiunta di una cremagliera interna al bordo propone una rivisitazione senza dubbio interessante. Ideale per qualche momento di svago e assolutamente divertente. Imperdibile. Comunque, un plauso alla presentazione in fiera.

 

 

 Il delfino  vibromassaggiante.

Pesantezza muscolare, contratture da fatica? Nessun problema: il delfino vibromassaggiante vi aiuterà a ritrovare la freschezza dei lombi, delle piante dei piedi e di tutti gli altri distretti su cui vorrete essere vibromassaggiati. Ha avuto un enorme successo, tanto che quasi tutti i visitatori che si fermavano per un momento di vibro-ristoro lo acquistavano entusiasti. Davvero!

 

 

Brivido caldo.

Il sellino più intrigante al mondo è dotato, nella zona apicale anteriore, di un’invasatura a mortaio fatta apposta per accogliere le delicate zone intime femminili e maschili. I movimenti ondulatori e sussultori del pedalare provvedono al resto: a ogni rivoluzione dei pedali potrete provare il brivido di una compressione, o schiacciamento, o pinzamento delle note parti a contatto. Il brivido è assicurato, il risultato incerto. Provato con storica abnegazione dai vostri inviati, confermiamo tutto il fascino dell’emozione. In realtà, la bike su cui è montata la sella è davvero originale e, una volta superata questa difficoltà, potrebbe essere sicuramente un’opportunità. La variante biomeccanica del posizionamento posteriore dei pedali rispetto alla sella genera un movimento del tutto nuovo e interessante. Sulla sella c’è da lavorare ancora un po’: staremo a vedere.

Fra Martino Campanaro

A riprova che non è uno scherzo questo prodotto è stato segnalato per la premiazione nella categoria  “innovazione”  ( ma poi non ha vinto) si tratta di una corda messa su delle pulegge che può essere tirata all’infinito in tutte le direzioni. Esercizio simil naturale che ricorda il gesto dei campanari di antica memoria. Semplice il gesto , naturale il movimento, di certa  nostalgia per sacrestani e monaci  ( ormai le campane si attivano elettricamente) potrebbe contribuire alla varietà dei movimenti nei centri fitness: mai dire mai.

 

Domani un reportage completo sul fibo di Essen.

Quali aziende sono state premiate per l’innovazione tecnologica ?

Quali le novità in prima assoluta ?

E gli Italiani  cosa hanno presentato ?

Stay tuned.

 

Alessandro Lanzani

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *