05/05/2009 Community Business

FIBO 2009: ecco alcune novità

Fatta eccezione per la manifestazione fieristica annuale organizzata dalla Ihrsa negli Stati Uniti d’America (nel mese di marzo), il Fibo rappresenta senz’altro la prima occasione in cui le aziende possono presentare le proprie novità di prodotto a un pubblico internazionale. Questo primato è da 10 anni sostenuto e avvalorato dal Fibo Innovation Award, il riconoscimento attribuito ai migliori progetti Fitness, Wellness e Health presentati a Essen. Il premio, pensato dalla società organizzatrice della manifestazione Reed Exhibitions per evidenziare il valore dell’innovazione, è attribuito da una giuria costituita da esperti del settore, sotto la direzione del TÜV Rheinland Group. Da quest’anno, oltre alle categorie Training Equipment, Health, e Design, è stata aggiunta una quarta categoria, Concepts, dedicata non tanto al prodotto, quanto al servizio che ruota intorno a esso, alle strategie di marketing e di comunicazione.
Questi i vincitori del 2009:
– categoria Attrezzature Fitness, Enformax Europe (Gym80), Germania, con enforbike;
– categoria Prodotti per la Salute, Dr. Wolff Sports & Prevention, Germania, con il Centro di Terapia per la Schiena;
– categoria Design, Teca, Italia, con Beauty by Teca;
– categoria Special Concept, Milon Industries, Germania, per il posizionamento di prodotti nel mercato del Fitness e della comunicazione interna ed esterna


 

NOVITA’ E TENDENZE
Girando fra gli stand abbiamo visto tanti prodotti nuovi, ma soprattutto abbiamo intercettato delle
“linee di tendenza” importanti. Prima fra tutte la rinnovata affermazione del fitness preventivo e riabilitativo, a cui era dedicato un intero settore, connotato con il nuovo marchio FiboMed. In realtà, questo orientamento è stato intercettato da molte aziende e declinato in modi diversi, o con prodotti specificamente dedicati, oppure con attrezzature adattate e pensate anche per un pubblico senior o con limitazioni fisiologiche e/o biomeccaniche. Fra queste, citiamo volentieri X-Force, una linea di macchine isotoniche che consentono di sviluppare il lavoro negativo, in fase eccentrica. L’idea è semplice: in fase positiva il pacco pesi si inclina di 45°, in modo da alleggerire il lavoro concentrico, mentre in fase negativa ritorna in posizione verticale, consentendo un aumento del 40% di lavoro eccentrico. David Sports ha presentato AIO, All In One, un unico attrezzo che, in soli 4 metri quadri, offre più di 20 differenti esercizi, utilizzando un unico sistema di trasmissione, garantendo movimenti fluidi e biomeccanicamente corretti, indicato anche per un lavoro di rieducazione funzionale. Grande attenzione anche per le nuove proposte cardio, come il KRANKcycle di Matrix, ideato dal mitico Johnny G: è una specie di bicicletta per le braccia con la quale l’inventore dello spinning propone il nuovo allenamento cardiovascolare Kranking, che focalizza la propria attenzione sulla parte superiore del corpo e rappresenta pertanto una grande opportunità di cross-training.
Fra le “Big” d’oltreoceano vogliamo citare Precor, che ha recentemente fatto il suo ingresso sul mercato italiano, un marchio assai noto e consolidato sia in America che in Europa. Anche quest’anno presente al Fibo con un’estesa superficie espositiva propone, oltre alle attrezzature cardio, due nuove linee isotoniche per completare l’offerta fitness. Precor fa parte della multinazionale Amer Sports, società finlandese che distribuisce in tutto il mondo anche i prestigiosissimi marchi Atomic, Wilson e Suunto. Life Fitness presenta la nuova linea di macchine isotoniche “Optima Series”, compatte sia nell’ingombro che nel prezzo, una proposta che interpreta un’altra linea di tendenza che abbiamo individuato, ovvero la produzione di attrezzature dedicate agli “studio” e alle piccole realtà che offrono servizi di personal training, con specifiche esigenze di budget e di metri quadrati.
Molto interessante anche il link con l’entertainment, declinato e interpretato con diverse proposte. Innanzitutto, i simulatori che consentono di partecipare a gare ciclistiche virtuali. Ne abbiamo visti di diversi modelli, dalle classiche cyclette (sia verticali che orizzontali) alle bici da spinning, ma tendenzialmente offrono le stesse prestazioni: scelta del percorso in base alla durata, alla difficoltà, al tipo di terreno o anche solo al paesaggio che si vuole “visitare”; monitoraggio della frequenza cardiaca e altri indici a esso collegati, con possibilità di impostare dei parametri per la limitazione del lavoro aerobico/anaerobico. Inoltre, con alcuni modelli è possibile sterzare, cambiare rapporto e ingaggiare gare con avversari reali, predisponendo una serie di postazioni adiacenti. A questo proposito, interessante la versione “kids” studiata per il pubblico dei giovanissimi. Fra le aziende che le hanno presentate, segnaliamo Praxtour,
XRFitness, InMotion. SkyTec Interactive utilizza la modalità interattiva anche per lo sci alpino, tramite uno schermo e una piattaforma con simulatore dotata di sci o snowboard. Seguendo il link con il divertimento, molte aziende hanno proposto il fitness con gli “active games”, come la Dance Machine presentata da Pulsefitness, in cui uno schermo centrale suggerisce dei passi di danza da effettuare su una piattaforma individuale (da 4 a 32 partecipanti). Semplice da imparare, è possibile scegliere fra 13 livelli di difficoltà; alla fine della sessione musicale si possono visualizzare i risultati delle singole performance. Altri active games utilizzano il pavimento o il muro come superfici interattive, tramite cui proporre varianti di esercizi/gioco divertenti, per allenare il sistema cardiovascolare, ma anche il tempo di reazione e la velocità (proposte, fra gli altri, da TWall ed ExergameFitness).

LE AZIENDE ITALIANE
Sono 23 le aziende che quest’anno hanno partecipato al Fibo, chi in forma individuale, chi aderendo all’Italian Village, organizzato da Assosport in collaborazione con ICE e il Ministero dello Sviluppo
Economico. Rispetto all’edizione precedente, ci è dispiaciuto verificare l’assenza di due aziende storiche come Fassi e BCube.
Vario è l’ultima novità in casa Technogym per l’allenamento cardiovascolare. Un attrezzo che segue il passo dell’utente, adattandosi in maniera dinamica e consentendogli di sviluppare diversi tipi di movimento, dal classico step verticale a un semplice passo, fino a un’ampia falcata.
Il movimento delle gambe si combina al movimento delle braccia e offre a tutti, a prescindere dall’età e dal livello di fitness, un allenamento bilanciato
ed efficace. Come tutti i prodotti della linea Excite, è dotato dei più innovativi programmi di allenamento. Altra chicca di Technogym è
la bike per l’indoor cycling, un settore d’interesse totalmente nuovo per l’azienda di Macerone.
Teca ha presentato i nuovi sistemi a circuito Switching Beauty, specifico per dimagrimento e
tonificazione, Power per l’allenamento della forza e Silver, appositamente studiato per gli over 55. Sempre sotto forma di circuito è il sistema per il lavoro fisioterapico e riabilitativo Physio Circuit, basato su di un sistema a resistenze elastiche. Hosand Technologies ha presentato il primo cardiofrequenzimetro toracico senza fascia elastica, che rileva il battito cardiaco attraverso due elettrodi adesivi applicati direttamente sulla pelle, garantendo un’assoluta precisione nella rilevazione dei dati. Runner, che come l’anno scorso condivide lo spazio espositivo con l’azienda di macchine isotoniche Ext3, ha presentato il nuovo stepper della Linea Elite, che completa la gamma degli attrezzi cardio. Inoltre quest’anno, seguendo il nuovo filo conduttore FiboMed, ha esposto al Fibo due tapis roulant ortopedici medicali, dedicati alla fisioterapia e alla riabilitazione.
Anche Oemmebi ha portato a Essen la sua linea di attrezzature adatte alla riabilitazione fisica, alla
prevenzione e al recupero fisico, fra cui Leg Extension con KTJ (knee top joint system), una macchina studiata appositamente per la riabilitazione del ginocchio. A sostenere la tradizione italiana legata al mobile e all’arredo non poteva mancare Fit Interiors, che ha portato al Fibo l’intera gamma dei suoi prodotti, molto apprezzati dal pubblico soprattutto per la varietà di proposte di rivestimento: dagli armadi più eclettici, con ante in pelle di pitone, rettile, intrecciata, coccodrillo, struzzo, agli armadi più classici ed eleganti con ante in cristallo o in teak.
 

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *