28/04/2011 Allenamento

Le catene muscolari lombari – Una visione globale per comprendere l’origine di molte rachialgie

di Davide Traverso traversodavide@libero.it

Non possiamo strutturare un’analisi isolata della regione lombare, in quanto praticamente tutti i muscoli che compongono le sue catene muscolari hanno almeno un’inserzione nella regione dorsale o sul bacino. Inoltre, la sua dinamica è influenzata in modo sistematico dal diaframma. Per questo parleremo di catene muscolari del tronco.

LE CATENE RETTE
Esattamente come per la cervicale, la flessione e l’estensione della colonna lombare dipendono dal sistema retto, principalmente in rapporto a due importanti assi miotensivi; l’asse anteriore (catene rette anteriori sinistra e destra) e l’asse posteriore (catene rette posteriori sinistra e destra).
Catena retta anteriore. Da clavicola e sterno parte la catena retta del tronco che unisce D1 al sacro. A livello del tronco induce la flessione globale della colonna vertebrale, cioè la cifosi generale. La rotazione del tronco avviene intorno a L3 e all’ombelico (zona privilegiata di convergenza di forze).
Sopra il livello di L3 il torace si abbassa verso l’ombelico e la colonna si incurva anteriormente. Sotto a L3 il bacino effettua una retroversione con l’innalzamento del pube verso l’ombelico (durante questo movimento avvengono, inoltre, l’apertura delle ali iliache e la verticalizzazione del sacro in modo da permettere un’agile passaggio del sacro tra le iliache). L’ombelico ha quindi una funzione di smistatore di forze diventando un fulcro, insieme al centro tendineo del perineo. Vi è un aumento della pressione intraddominale che si scarica sulla membrana del forame otturatorio del bacino. L’apertura delle ali iliache, inoltre, favorisce il comfort delle masse viscerali di cui è aumentata la pressione, permettendone una certa via di fuga.
Inseriti sulle strutture ossee di sterno, pube e coccige troviamo i muscoli:
– intercostali medi
– grandi retti
– perineali.
Questa catena prende soluzione di continuità con il cingolo scapolare attraverso i muscoli:
– triangolare dello sterno
– piccolo pettorale
– trapezio inferiore
E con l’arto superiore attraverso:
– il grande pettorale
– il grande rotondo
– il romboide

Catena Retta Anteriore


Catena retta posteriore. È formata dalla colonna vertebrale, dai dischi e dai muscoli paravertebrali. La catena articolare (dischi e vertebre) è fatta per rispondere a una funzione di appoggio e le catene estensorie muscolari avranno uno scarso ruolo nel formarne e nel gestirne la mobilità. Attraverso i loro muscoli corti sono una molla di richiamo che equilibra e modera l’asse anteriore. A livello del tronco induce l’estensione globale della colonna vertebrale, cioè la lordosi generale, che può essere aggressiva nei confronti della pleura e del pericardio. Se questa catena è interessata per ragioni statiche, i dischi intervertebrali subiscono uno schiacciamento posteriore continuo, anche notturno, con conseguente mancata reidratazione, che determina una maggiore fragilità del disco. In generale, il raddrizzamento della colonna avviene grazie alla funzione di due muscoli che lavorano sinergicamente: il diaframma e lo spinale del dorso.
Ci sono tre buoni motivi per cui questi muscoli sono erettori della colonna:
1. lo spinale è posto in una posizione molto mediana e questo lo privilegia essendo praticamente posizionato sul piano sagittale;
2. le sue origini inferiori sono in continuità con il diaframma; se quest’ultimo ha la tendenza a lordotizzare e a estendere le prime tre vertebre lombari, lo spinale del dorso tende a cifotizzare e a fletterle; la risultante è una forza di stabilizzazione e rettilineizzazione;
3. lo spinale del dorso ha una forma lamellare sovrapposta che parte a fasci da L1 a D1. La risultante del lavoro di questo muscolo è una forza di raddrizzamento che si applica in D10.
Oltre che da questi due muscoli fondamentali la catena retta posteriore è formata, sul piano medio, da: 
– piccolo dentato postero-superiore
– piccolo dentato postero-inferiore
E sul piano profondo dai muscoli:
– trasverso spinoso
– elevatori delle coste
– spinale del dorso
– lunghissimo del dorso
– ileo costale toracico
– quadrato del lombi
Tramite il trapezio inferiore prende legame con il cingolo scapolare, mentre il grande rotondo lo mette in rapporto con l’arto superiore.

Catena retta posteriore

LE CATENE CROCIATE
Hanno un ruolo fondamentale nella dinamica del tronco, perché  assicurano il movimento di torsione, che è complementare ai movimenti di arrotolamento e raddrizzamento delle catene rette; questi sono quindi sistemi complementari, non antagonisti.
Le catene crociate, a livello del tronco, generano movimenti di torsione: una spalla va in direzione dell’anca opposta. Questo sistema crociato può essere paragonato a un ellisse attorcigliata su se stessa. La catena crociata anteriore organizza una torsione anteriore; la catena crociata posteriore organizza una torsione posteriore. Le catene crociate sono costituite da piani muscolari che collegano la metà sinistra del tronco alla metà destra. Queste fibre oblique hanno due apici o estremità: la spalla e l’anca opposta.
Asse di torsione: l’asse di questo movimento è obliquo e va dalla testa omerale a quella femorale opposta, passando dall’ombelico. Il centro di torsione si organizza in un asse relativo al metamero L3, in particolare:
1. L3 è la piattaforma intorno a cui si organizzano flessione ed estensione ed è un’importante sede di convergenza delle forze torsive; a livello del corpo vertebrale convergono le forze anteriori, mentre la spinosa è il centro di convergenza delle forze di torsione posteriori;
2. a livello addominale, alla stessa altezza di L3, è posto l’ombelico che oltre a essere, come già detto, il centro di convergenza delle forze di arrotolamento (flesso-estensione), rappresenta il centro di convergenza delle forze torsive sul piano anteriore. Il centro di torsione si viene a trovare sulla linea che collega l’ombelico al processo spinoso di L3, a piombo della linea di gravità: questo punto risiede sul corpo di L3.
Catena crociata posteriore del tronco sinistra. È la naturale continuazione della catena crociata anteriore del collo destra ed è costituita dai muscoli:
– intercostali destri
– piccolo dentato postero-inferiore destro
– quadrato dei lombi destro (fibre costo-lombari)
– erettore spinale (massa comune ileo lombare sinistro)
– quadrato dei lombi sinistro (fibre ileo-lombari)
La catena crociata posteriore del tronco sinistra interagisce col cingolo scapolare attraverso i muscoli:
– trapezio inferiore destro
– piccolo pettorale destro
– triangolare dello sterno destro
E con l’arto superiore attraverso:
– il gran dorsale
– il gran pettorale
La catena crociata posteriore del tronco sinistra produce torsione posteriore come segue: centro di convergenza della torsione posteriore è rappresentato dalla spinosa di L3, punto di relativa fissità. In questa catena crociata posteriore, le fibre costo lombari sinistre del quadrato dei lombi, il piccolo dentato postero inferiore sinistro e gli intercostali interni sinistri eseguono la metà della torsione posteriore, provocando l’arretramento e l’abbassamento dell’emitorace sinistro. Le fibre ileo lombari destre e il fascio ileo lombare destro della massa comune compiono l’altra metà della torsione posteriore, provocando l’arretramento e il sollevamento dell’emibacino destro.
Nota bene: le fibre costo lombari sinistre sono in continuità con quelle ileo lombari destre che, a loro volta, lo sono con il grande gluteo destro. Quest’ultimo è l’inizio della catena crociata di apertura dell’arto inferiore.
Catena crociata anteriore del tronco sinistra. È la naturale continuazione della catena crociata posteriore del collo destra. Questa organizzazione comprende due strati: uno superficiale e uno profondo, che si ricollegano sulla linea mediana anteriore e posteriore. Le fibre di questo strati sono in continuità di direzione e di piano:
– piccolo obliquo sinistro
– intercostali interni sinistri
– grande obliquo destro
– intercostali esterni destri
– gran dentato destro
– romboide destro
– gran pettorale destro
– grande rotondo destro
Il piano profondo è costituito dal muscolo piccolo obliquo, con le sue inserzioni sulla spinosa di L5 (radice della catena retta posteriore), ala iliaca, arcata crurale, dodicesima, undicesima e decima costa, appendice xifoide, linea alba e pube (rapporto con la catena retta anteriore).
Le fibre del piano superficiale sono in continuità di direzione con la muscolatura dello strato profondo. La continuità anatomica è assicurata tramite la linea alba e lo sterno. Il muscolo più importante è il grande obliquo, completato indietro dal quadrato dei lombi, in alto dagli intercostali esterni e lateralmente dal piccolo dentato postero-superiore.
La catena crociata anteriore del tronco sinistra produce la torsione anteriore come segue: l’emitorace anteriore destro si avvicina dall’avanti all’anca opposta che gli va incontro. Centro di convergenza della torsione anteriore è l’ombelico, che rappresenta un punto di relativa fissità insieme alla linea alba. In questa catena crociata anteriore, lo strato superficiale destro (grande obliquo e intercostali esterni) induce a livello dell’emitorace destro la metà della torsione anteriore. Lo strato profondo sinistro induce l’altra metà della torsione anteriore.

Catene rette crociate


CATENE DI APERTURA E CHIUSURA
Un’ulteriore veduta delle catene crociate, che ci aiuterà visualizzarle nella pratica quotidiana e a individuarne eventuali iperprogrammazioni, è il loro raggruppamento in catena di apertura e catena di chiusura.
Catena di apertura. È composta dalla congiunzione di diverse catene crociate che si sviluppano nelle porzioni cervicale, dorsale e degli arti; ha globalmente una funzione di estensione, allargamento del palato, inspirazione ed extrarotazione degli arti. Facciamo un esempio:
– catena crociata anteriore cervicale destra
– catena crociata posteriore del tronco sinistra
– catena crociata posteriore dell’arto superiore destro
– catena crociata di apertura per l’arto inferiore sinistro
Catena di chiusura. È composta dalla congiunzione di diverse catene crociate che si sviluppano nelle porzioni cervicale, dorsale e degli arti; ha globalmente una funzione di flessione, cavizzazione del palato, espirazione e intrarotazione e flessione degli arti. Facciamo un esempio:
– catena crociata posteriore cervicale destra
– catena crociata anteriore del tronco sinistra
– catena crociata anteriore dell’arto superiore destro
– catena crociata di chiusura per l’arto inferiore sinistro
La comprensione delle catene muscolari che gestiscono la statica e la dinamica della colonna lombare e del tronco non è affatto semplice e immediata, ma richiede una buona conoscenza della biomeccanica e, soprattutto, una vasta esperienza sul campo. Solo l’osservazione di molte persone, con diverse problematiche anche non strettamente rachidee, ci permetterà di capire quanto vasto sia il mondo delle catene muscolari e della loro interpretazione clinica.

Davide Traverso
Laureato in Scienze Motorie presso l’Università di Torino, Master Europeo in Osteopatia presso Università di Bruxelles. Personal trainer presso centri fitness di Genova dal 2001, specializzato in body building, fitness e rieducazione funzionale. È stato docente di corsi di massaggio tradizionale e relatore in seminari divulgativi sulle applicazioni della medicina osteopatica. Pratica la libera professione di osteopata a Genova.
www.chinesiologiaglobale.it

Per il pdf dell’articolo clicca qui

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *