17/05/2011 Fitness Metabolico

I 10 articoli propositivi che definiscono il Fitness Metabolico

Il fitness metabolico è un progetto che si trasforma in realtà. Nasce da persone, organizza conoscenza e metodologie, ritorna sulle persone generando benessere consapevolezza e miglioramento delle condizioni di vita delle persone coinvolte.

Il fitness metabolico è l’applicazione più avanzata di un fenomeno recente: il Fitness.

Il Fitness è una attività motoria inquadrata nel tempo libero, non è necessariamente sportiva (mancano l’aspetto agonistico e quindi il concetto di vittoria e di sconfitta) ed è caratterizzata da una notevole differenziazione di attività. Alcune di queste sono più simili ad aspetti allenanti (allenamento individuale con pesi), altre sono fortemente caratterizzate da aspetti ludici (discipline di gruppo con sottofondo musicale).

Il fitness metabolico
rispetta quello che è stato fatto fino ad oggi e si pone come obiettivo di introdurre nuovi aspetti qualitativi che vadano ad incrementare e implementare il fitness attuale.

Il settore ha raggiunto una notevole maturazione tecnologica (gli strumenti) e un buon livello impiantistico (le strutture). S’impone una maturazione definitiva sulla qualità del servizio.

Per ottenere questo occorre un impegno trasversale di persone, aziende, operatori e istituzioni per generare il nuovo servizio: Il fitness metabolico.

I 10 articoli propositivi che definiscono Il fitness metabolico:

1 – Il fitness metabolico favorisce l’attività fisica delle persone affette da sindrome metabolica ovvero di tutte quelle patologie tipiche della società occidentale caratterizzate da ipernutrizione e sedentarismo. Include nuove categorie sociali: adulti, anziani e non totalmente “sani” che in Italia corrispondo ad un potenziale di circa 35 milioni di persone. Il fitness metabolico si occupa degli stili di vita che contrastano patologie legate al prolungarsi dell’esistenza umana come la sindrome metabolica, l’osteoporosi, alcune neoplasie. Infine intravede anche un nesso tra il sedentarismo e la solitudine abitativa e relazionale delle persone e degli anziani in particolare.

a. Il fitness tradizionale si rivolge per lo più a giovani tra i 18 e i 45 anni e si circoscrive ad una popolazione di circa 20 milioni di persone.

 2 – L’approccio motivazionale del fitness metabolico di tipo emulativo e partecipativo, mai prescrittivo e doveristico, favorisce l’inserimento di nuovi individui e la fidelizzazione dei partecipanti nei centri fitness e assimilati.

a. Il fitness tradizionale è di tipo performante ed estetico in qualche modo competitivo e poco adatto a modelli identificativi di adulti e anziani sedentari e affetti da sindrome metabolica.

 3 – Il fitness metabolico è completo perché include nei suoi protocolli subito tutte le qualità motorie che determinano il successo motorio.

a. Il fitness attuale allena prevalentemente la forza con i pesi e la resistenza con i simulatori aerobici, trascura la mobilità (stretching), ignora la sensibilità propriocettiva e la coordinazione motoria.

 4 – Il fitness metabolico ha l’obiettivo di demedicalizzare il trattamento di quelle patologie che hanno come concausa cattive abitudini di vita. Se le patologie metaboliche sono figlie di stili di vita occidentali “patogeni” utilizzerà un approccio sugli stili. Pertanto si punterà sulla consapevolezza degli attori (gli utenti gli operatori, i centri fitness) contenendo approcci di monitoraggio aggressivo, prescrittivo e doveristico. L’obiettivo non è quello di trasformare un centro fitness in uno strano laboratorio paraospedaliero di bassa qualità, ma in un centro di educazione al movimento. In questo senso fa proprie tutte le indicazioni più volte segnalate dalla massima autorità sanitaria planetaria: l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

 5 – Gli strumenti di lavoro, i protocolli e le linee guida saranno orientati alla consapevolezza e non alla obbedienza di regole non comprese, alla comprensione dei meccanismi sottesi all’operazione che puntano alla progressiva autonomia gestionale. In questo senso si darà ampio spazio alla comprensione di informazioni erogate in modo semplice e comprensibile.

 6 – I criteri esecutivi dei protocolli saranno ispirati nel primo triennio 2006 -2008 ad una seria e responsabile semplificazione. I limiti culturali del settore personale dei centri fitness e organizzazione logistica sono un limite da tenere in considerazione con realismo in modo che il progetto non naufraghi a causa di ipertecnicismo.

 7 – Gli obiettivi tecnici consisteranno in un sistema di ingresso e di screening uniformato per erogare delle modalità di esecuzione incentrate sulla frequenza alta e sull’impegno basso e gradualmente ingravescente. Il monitoraggio dei risultati dovrà quindi essere di facile comprensione sia per gli istruttori che per gli utenti finali.

 8
– Il fitness metabolico genera attraverso l’educazione e la pratica dell’attività fisica, il recupero di un rapporto positivo tra attività fisica e miglioramento dei propri limiti motori e relazionali.

 9 – Gli strumenti che saranno utilizzati per raggiungere gli obiettivi sono:

a. Alfabetizzazione motoria
b. Educazione motoria pratica
c. L’inquadramento in categorie di lavoro
d. L’erogazione di protocolli e il monitoraggio
e. La verifica e il monitoraggio
f. La graduale riduzione degli interventi al raggiungimento della autonomia dei nuovi stili di vita

 10 – Il fitness metabolico si configura quindi come :

a. Un progetto operativo di servizio alla persona
b. Economia positiva ed etica in tutti i suoi passaggi
c. Un fenomeno sociale per la promozione della qualità della vita
d. Un occasione di riqualificazione professionale e di occupazione
e. Su scala nazionale un opportunità per contenere la spesa sanitaria migliorando le condizioni della popolazione.
 

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *