19/09/2011 Community Business

Comunicare il fitness metabolico

A cura della redazione

Decidere di ampliare il proprio target di utenza ai soggetti con problematiche legate alla sindrome metabolica non implica solo l’apprendimento delle conoscenze tecniche necessarie al trattamento di persone in qualche modo “fragili”, ma presuppone un vero e proprio lavoro sull’immagine del proprio centro fitness, che passa anche e soprattutto attraverso una comunicazione mirata.
Sebbene il fitness metabolico continui a ottenere consensi a diversi livelli (politico, medico, mass-mediatico e tra la popolazione tutta), è necessario insistere su un’attività di comunicazione e d’informazione, per chiarire a tutti gli attori sociali i criteri generali, le linee guida e le soluzioni esecutive realizzabili in palestra. Per questo è necessario concentrare i propri sforzi sia a livello di mass media locali, che verso le associazioni di soggetti metabolici e i medici di famiglia. Divulgare informazioni sul fitness metabolico e promuovere i servizi a esso collegati non può prescindere dal rispetto dei principi etici fondamentali che sono alla base del fitness metabolico, che qui sintetizziamo:
– attenersi rigorosamente alle linee guida dell’OMS e del ministero della salute (accreditamento istituzionale);
– evitare di millantare guarigioni o effetti miracolosi che non appartengono alla cultura del fitness metabolico; la prevenzione e la terapia attraverso gli stili di vita sono questioni serie;
– ribadire che gli aspetti sanitari riguardanti diagnosi e terapia sono e rimangono di pertinenza medica; lo stile di vita motorio può essere appreso con l’aiuto di validi professionisti (l’operatore di fitness metabolico, il personal metabolico);
– insistere sui concetti di gradualità e progressione e di non aggressività dell’approccio; insistere sulla facilità di inizio per tutti e sul miglioramento della qualità di vita motoria e di relazione;
– segnalare che si punta alla ripresa del movimento e non alla prestazione; per questo, ciascuno ricomincia esattamente dal livello di sedentarismo a cui è arrivato;
– informare sulla presenza costante di assistenza qualificata; il personal metabolico è lo strumento fondamentale per riprendere a muoversi con efficacia, serenità e sicurezza;
– utilizzare un linguaggio semplice abbandonando i tecnicismi a favore di una completa e agile comprensione.
A esempio di quanto espresso, vi proponiamo (qui in PDF) l’articolo “Benessere per tutti con il fitness metabolico”, pubblicato qualche giorno fa dal giornale di Vimercate (http://www.giornaledivimercate.it/) con un’intervista a Stefano Rossi, uno dei titolari del centro fitness St.Patrick di Concorezzo (http://www.palestrastpatrick.it/), dove si occupa principalmente dei programmi di rieducazione motoria, di ginnastica posturale e antalgica e dei programmi di Fitness Metabolico per i soggetti con problematiche legate al metabolismo.

 

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *