30/01/2012 Costume e società

Downsize Fitness: se sei magro non entri!

di Mia Dell’Agnello

Con sedi a Chicago e Las Vegas, il centro fitness ha aperto i battenti lo scorso autunno e ci si può iscrivere solo se si hanno almeno 50 libbre (22,6 kg circa) da perdere. Il format di Downsize Fitness  è stato sviluppato appositamente per le persone in soprappeso, che spesso si sentono a disagio in una palestra convenzionale, dove temono la propria diversità e il giudizio degli altri frequentatori. La palestra offre un ambiente amichevole e un servizio su misura anche come orientamento nutrizionale. Le finestre della palestra sono smerigliate e la porta è chiusa, per rispettare la privacy.

CONSULTAZIONE GRATUITA
Il Club Fitness invita alla visita della propria struttura offrendo una consulenza gratuita strutturata su un colloquio personale e un’analisi funzionale. Il colloquio si svolge con un personal trainer specializzato in problemi legati al soprappeso, con cui il potenziale iscritto può condividere la propria storia, raccontando la sua salute presente e passata, gli obiettivi personali, i tentativi falliti e potrà porre qualsiasi domanda per quanto riguarda il fitness, l’alimentazione e il club. Al colloquio segue una parte di valutazione funzionale tramite una serie di test fra cui la misurazione della composizione corporea, delle circonferenze, del BMI e valutazioni biomeccaniche, per inquadrare il livello di fitness e definire un punto di partenza, qualora il soggetto decida di iscriversi al club. Se si iscrive, con le informazioni e i risultati ottenuti, il team di professionisti crea un programma di allenamento che include:
– allenamento della forza muscolare;
– allenamento cardio-respiratorio;
– flessibilità e balance.
Inoltre viene sviluppato un programma nutrizionale che non è una dieta, ma che deve insegnare a mangiare, educando la persona ai concetti di equilibrio, valori nutrizionali, alimentazione salutare.
Last, but not least, ogni iscritto è seguito da personal trainer che lo accompagneranno lungo tutto il suo percorso, fornendo consigli e supporto motivazionale sia con lezioni one-to-one che a piccoli gruppi (fino a un massimo di 5 componenti).


THE BIGGEST LOSER, MA NON PROPRIO
Per rendere il servizio ancora più stimolante, ma soprattutto per aumentare la cassa di risonanza, seguendo l’americanissimo motto “Just do it”, il club propone ai soci la possibilità di competere in una sfida: chi riuscirà a perdere la maggior percentuale di peso da gennaio 2012 al 1 Luglio 2012 si aggiudicherà un premio di $ 25.000! Ogni concorrente sarà pesato per determinare il peso iniziale e in questi sei mesi parteciperà al programma proposto dal Downsize Fitness, che include la frequenza della palestra a piccoli gruppi o con personal trainer individuale e sessioni di consulenza nutrizionale 3-5 volte a settimana. Le regole della competizione sono le seguenti:
– non è consentita la perdita di peso tramite chirurgia bariatrica;
– l’iscrizione è gratuita, ma ogni partecipante deve essere iscritto al Downsize Fitness per tutta la durata del concorso (6 mesi);
– i concorrenti saranno fotografati mensilmente per monitorare i progressi e le foto potranno essere utilizzate per i materiali promozionali.
L’idea di questo concorso è modellata sul successo dello show televisivo "The Biggest Loser", un reality game che ha debuttato sulla NBC americana nel 2004. In breve, si tratta di una competizione fra persone obese e soprappeso per perdere il maggior peso possibile, in relazione al peso iniziale. Il format ha avuto successo tanto che, non solo continua a essere proposto dalla NBC americana, ma è stato adottato da più di 20 paesi, in tutti i continenti. Nonostante le diverse varianti, i concorrenti che partecipano al programma televisivo hanno sempre lo stesso obiettivo: perdere la più alta percentuale di peso per aggiudicarsi il montepremi finale, che negli USA ammonta a 250.000 dollari, nel Regno Unito a 25.000 sterline, in Germania a 25.000 euro. Ogni stagione di The Biggest Loser inizia con una pesata collettiva per determinare i pesi di partenza dei concorrenti, che poi sono suddivisi in squadre. Gli episodi sono animati da sfide da superare e tentazioni a cui resistere; ogni settimana la squadra che ha perso meno peso sarà sottoposta alla votazione delle altre squadre, per eliminare uno dei componenti. Quando il numero di partecipanti si è ridotto, le squadre si sciolgono e i concorrenti competono da soli, uno contro l’altro. I personal trainer della trasmissione sono responsabili (in collaborazione con il personale medico) della progettazione degli allenamenti e dei piani nutrizionali, ma i concorrenti sono individualmente responsabili dell’attuazione dei principi insegnati. Il programma è ovviamente soggetto a parecchie critiche, non solo per quelle caratteristiche discutibili su cui poggiano tutti i format reality, ma soprattutto perché in questo caso si ha anche a che fare con la salute (fisica e psichica) dei partecipanti. C’è chi sostiene che si tratti di sfruttamento e ridicolizzazione di persone in seria difficoltà, chi ne contesta i metodi: la perdita di peso competitiva è, nella migliore delle ipotesi, controproducente e, nel peggiore, pericolosa. Alcuni concorrenti arrivano a perdere 10/15 chili in una settimana, quandoAlcuni di loro hanno pubblicamente ammesso di essere arrivati al digiuno e alla disidratazione pur di restare in gara e, una volta finito lo spettacolo, nel giro di poche settimane hanno riacquistato i chili persi, evidentemente, quasi tutti di acqua.


PALESTRA PER OBESI: QUAL È IL SENSO?
Francis Wisniewski, proprietario dl Downsize Fitness, ci tiene a sottolineare che le finalità della palestra sono totalmente diverse da quelle del programma televisivo: "Il nostro obiettivo è aiutare i membri a cambiare il loro stile di vita… non si tratta solo di seguire una dieta o un allenamento circoscritto nel tempo. Si tratta di insegnare nuove abitudini per offrire ai nostri soci una nuova qualità della vita”. E lo sa bene lui, che il percorso l’ha sudato tutto, dimagrendo di 60 chili in un anno; anzi, è proprio dalla sua esperienza che è nata l’idea di un centro specializzato. Una palestra dove, appena raggiunto l’obiettivo, te ne devi andare: sicuramente l’approccio è nuovo, ma è un business che funziona?
Il settore del fitness vive da anni proponendo modelli di corpi scolpiti e da sogno, che tanti considerano irraggiungibili e per questo non acquistano, a priori: "Sanno che non è realistico. Per questo l’industria del fitness, in un certo senso, è il mio peggior nemico". Ma non è solo un problema di comunicazione: "il personale che lavora nei centri fitness sa come vendere gli integratori, ma non conosce il modo di abbracciare le persone che hanno un disperato bisogno di aiuto".
A leggere i commenti nel blog, pare che l’idea piaccia parecchio: sembra che siano in tanti ad aver rinunciato alla palestra esclusivamente perché si sentono a disagio e fuori luogo. E questo non è solo un fenomeno a stelle e strisce. Ne abbiamo già parlato, sul numero di luglio-agosto 2011 di Fitmed: provate a leggere cosa ne pensano gli obesi nostrani… (http://amiciobesi.forumfree.it/?t=55869480)

 

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *