15/02/2013 Fitness Metabolico

Fitness e Prevenzione

Quando l’allarme non funziona

di Alessandro Lanzani alanzani@professionefitness.com

Da anni tuona l’allarme “Obesità” eppure nonostante questo gli indici di obesità aumentano nei paesi occidentali. Molti media scrivono di epidemia e dei rischi ad essa correlati. Il mondo sanitario minaccia catastrofi sanitarie e invita al monitoraggio e al controllo in nome della prevenzione e della sicurezza. Ciò nonostante i dati peggiorano e i rimedi sembrano del tutto inadeguati a risolvere i danni sanitari provocati dalla sindrome metabolica di cui l’obesità è parte integrante insieme al sedentarismo.

Lo psicologo Paul Slovic , uno dei massimi esperti di psicologia cognitiva segnala che la percezione del rischio è soggettiva e non oggettiva. Il pericolo è reale, ma il rischio è socialmente costruito. Così, chi controlla la definizione del rischio controlla la soluzione razionale del problema. La definizione del rischio è dunque un esercizio di potere”

Il mondo sanitario costruisce un rischio salute in termini di allarme e di colpevolizzazione del singolo. Attraverso il concetto di responsabilità individuale si scaricano sulle singole persone tutti i problemi derivanti dal peggioramento delle condizioni di salute derivanti dalla sindrome metabolica.

L’obiettivo è di medicalizzare i singoli trasformarli in malati ansiosi e consumatori di salute: esami, monitoraggi e terapie. In definitiva attraverso l’allarme si cerca di aumentare il fatturato delle imprese che si occupano di salute.

Ma i singoli hanno una percezione del rischio di tipo affettivo e familiare. Gli argomenti sostenuti dalle aziende sanitarie come la riduzione degli anni di vita, e il costo sanitario aumentato sono motivazioni deboli per le persone che vivono una quotidianità fatta di altre scale di valori molto più personali e relazionali.

Si assiste al paradosso che mentre aumentano i dietologi, i medici preventivi, le campagne informative aumentano i dati dei sedentari obesi.

Il meccanismo utilizzato è quello della colpa che fa leva sull’obbligo e sul dovere di adeguarsi agli standard sanitari omologati.
Di fatto l’approccio alla questione
sindrome metabolica dimostra di non funzionare. Tutti i modelli autoritari doveristici non funzionano e costano senza risolvere. Cosi come non funzionano alcuni protocolli di attività di fitness metabolica adattata che hanno lo stesso approccio.

Dal 2005 quando abbiamo iniziato per primi a promuovere la metodologia del “fitness metabolico” abbiamo visto che molti formatori e alcune aziende hanno cercato di allinearsi proponendo metodologie sullo stesso argomento. La cosa ovviamente ci ha fatto piacere perché avevamo visto giusto: occorreva completare l’offerta di fitness anche alle categorie dei sedentari.
Il fitness metabolico per funzionare deve essere un protocollo che stimola non solo il miglioramento dei dati ”oggettivi” ma anche e soprattutto la conoscenza o la riscoperta del proprio corpo.

La propiocettività psicologica del corpo e l’accettazione del se. Insomma è il fitness metabolico che deve entrare in relazione con la vita del sedentario e non il contrario.
Nel
fitness metabolico la misurazione del miglioramento non deve essere accompagnata da un giudizio d’inadeguatezza ma piuttosto deve enfatizzare i miglioramenti raggiunti. Deve favorire la riscoperta del movimento come esperienza piacevole e gratificante. L’eccesso di monitoraggio è controproducente. L’operatore di fitness metabolico è il protagonista insieme al soggetto metabolico di questo cambiamento i test devono essere semplici e comprensibili, non aggressivi.

La restituzione delle informazioni deve essere di facile comprensione. Il metodo di fitness metabolico che abbiamo sviluppato in questi anni si adatta alle esigenze dei singoli sedentari e non il contrario evitando di puntare sul giudizio sull’allarme e sul rischio. Questa forse è la ragione del suo successo laddove è stato applicato.

 

Alessandro Lanzani

Medico specialista in medicina dello sport

Autore della metodologia “fitness metabolico”

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *